Difesa della costa: la Regione adotta il Piano di gestione

3' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Inizia la concertazione per la stesura definitiva del Piano di gestione integrata delle aree costiere.
Modesti: “Cinque milioni di euro disponibili nel 2004”.

dalla Regione Marche


La Giunta regionale ha adottato il Piano di gestione integrata delle aree costiere: lo strumento di programmazione tecnica che disciplina gli interventi di difesa della costa.
Dopo l’imminente pubblicazione dell’elaborato sul Bollettino ufficiale della Regione Marche, si avvierà la fase della consultazione con gli enti pubblici e privati coinvolti: sostanzialmente i comuni costieri e le categorie sociali ed economiche interessate (operatori balneari e turistici, pescatori…).
Entro 60 giorni, sempre dalla pubblicazione, dovranno pervenire le osservazioni, che saranno valutate prima della definitiva adozione del Piano e la successiva trasmissione in Consiglio regionale, che lo dovrà approvare.

Una copia del Piano sarà inviata (su formato cd) ai Comuni interessati e al Consiglio regionale, mentre la documentazione cartacea (oltre che pubblicata sul Bur), risulterà disponibile presso la segreteria del servizio Progettazione Opere Pubbliche della Regione Marche.

Il Piano elaborato – sottolinea l’assessore ai Lavori Pubblici, Cataldo Modestirappresenta una risposta ai problemi legati alla difesa e alla gestione della costa, sia sotto l’aspetto dell’equilibro tra litorale e l’azione corrosiva del mare, sia sotto quello della tutela degli interessi economici degli operatori di settore, compatibili con la salvaguardia ambientale.
Il Piano è stato predisposto in stretta collaborazione con il servizio Turismo della Regione, in quanto disciplina anche le aree marittime, utilizzate per finalità turistiche e per l’esercizio della piccola pesca
”.

Contestualmente al Piano, la Giunta regionale ha anche approvato i criteri per ripartire i fondi 2004 destinati alla difesa costiera: circa 5 milioni e 500 mila euro che saranno assegnati secondo le disposizioni previste dal Piano stesso (priorità, cofinanziamenti Cipe, monitoraggio).

L’obiettivo del Piano è quello di definire “gli interventi di ricostruzione delle spiagge per la difesa delle infrastrutture, del patrimonio ambientale e per il rilancio delle attività turistiche, prevedendo anche la salvaguardia delle opere realizzate”.
Verranno privilegiate i progetti a minore impatto ambientale e il riutilizzo dei materiali disponibili, come le sabbie di drenaggio, i sedimenti fluviali e i massi calcarei delle scogliere dismesse.
Il tutto per non pregiudicare anche la qualità delle acque di balneazione, che spesso risente delle difese artificiali predisposte.

La costa marchigiana interessata al Piano ha uno sviluppo lineare di circa 180 chilometri, e comprende 23 comuni balneari.
La scarsità di trasporto di materiale solido della aste fluviali ha determinato, nell’ultimo secolo, una crisi del sistema litoraneo: le opere realizzate lungo gli alvei, l’estrazione di ghiaia e un uso non razionale del suolo, hanno impoverito l’apporto di sabbia in mare.
Le spiagge hanno subito l’erosione marina e le strutture di difesa, se hanno ridotto gli effetti distruttivi delle mareggiate, hanno scaricato il problema nelle aree contigue.

Attualmente la copertura del litorale marchigiano con opere marittime – escludendo le zone antistanti il San Bartolo e il Monte Conero – interessa il 70% della costa.
Il restante 30% è rappresentato da tratti “liberi, ricadenti soprattutto nei comuni di Senigallia, Numana, Porto Recanati, Porto Sant’Elpidio e Civitanova.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 10 settembre 2004 - 1889 letture

In questo articolo si parla di