Sottopasso di Piazza della Libertà: già in pezzi

Senigallia 30/11/-0001 -
Nel nuovo sottopasso di Piazza della Libertà alcune piastrelle della pavimentazione, si staccano alla minima pressione della mano, non risultando cementificate con il fondo.

da Gabriele Girolimetti AN
e Gabriele Cameruccio UDC


Il sottopasso di Piazzale della Libertà situato di fronte alla storica Rotonda a mare è uno dei principali biglietti da visita della Senigallia turistica, sia per chi vi accede provenendo dalla Autostrada e sia per chi in particolar modo lo percorre a piedi per dirigersi al Centro o viceversa per raggiungere la zona a mare.
In qualità di Consiglieri Comunali e sollecitati da numerosi cittadini di Senigallia e anche da turisti in vacanza nella nostra città che percorrono spesso a piedi il sottopasso, rivolgiamo al Sindaco e all’Assessore ai Lavori Pubblici una interrogazione relativa all’intervento di riqualificazione realizzato in tale sottopasso il cui progetto, è stato approvato dalla Giunta per un importo di oltre 760 milioni di vecchie lire, a carico del Bilancio Comunale e quindi di tutti i cittadini.
Allo stato attuale a lavori appena ultimati, alcune piastrelle della pavimentazione, si staccano alla minima pressione della mano, non risultando cementificate con il fondo.
Pertanto chiediamo quanto segue:
1.Se sono state espletate a lavori ultimati, tutte le operazioni di verifica e controllo inerenti la realizzazione dell’intervento di sistemazione del sottopasso.
2.Che vengano effettuate immediatamente tutte le operazioni necessarie per ripristinare i lavori a regola d’arte, sia sotto l’aspetto tecnico di cementificazione del fondo dove necessario e sia sotto l’aspetto estetico essendo quel sottopasso per l’appunto, uno dei principali biglietti da visita per la nostra città turistica.

Il sottopasso di viale della Vittoria Le piastrelle non cementate Le piastrelle non cementate
Clicca per ingrandire





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 12 agosto 2004 - 1920 letture

In questo articolo si parla di





logoEV