Torna lo schiuma party

Senigallia 30/11/-0001 -
E' stata la novità dell'estate 2003: non poteva mancare in questa estate 2004, con lo stesso entusiamo ed una novità.


Questa sera ripartono i mercoledì firmati Shalimar Club, con il Made in Italy Party, una festa in spiaggia trasportata all’interno del locale. Le feste in spiaggia sono la moda, il fenomeno del nuovo millennio e stanno rubando campo alla tradizionale discoteca. Ma lo Shalimar Club è riuscito ad invertire le tendenze, inventando la festa in spiaggia all’interno della discoteca. Ogni mercoledì, infatti, la discoteca propone una festa informale che ricalca lo scenario della spiaggia di velluto (così è denominata la spiaggia di Senigallia).
L'idea, nata da Libero Mengucci, proprietario del locale, ed Eusebio Belli, direttore artistico, è stata una scommessa contro ogni moda. Scommessa stravinta, se si pensa che ogni mercoledì della scorsa estate lo Shalimar Club ha radunato più di 3500 persone, specialmente ragazzi. L’abbigliamento consigliato è diventato subito un must: costumi da bagno, parei ed infradito. Una vera e propria spiaggia migrata nel più famoso jardin della riviera adriatica.
La colonna sonora con dj Paperino in consolle è la musica italiana, quella dei grandi successi che fanno ancora cantare tutte le generazioni. Non poteva poi mancare lo Schiuma Party, una vera e propria invasione di schiuma a 360 gradi, che è la decorazione di una festa già esplosiva. Tutto nel contorno del fantastico giardino mediterraneo e della piscina a otto. Novità di quest’anno, la doccia a sorpresa. La piscina, illuminata da particolari fari, e con ai bordi eleganti lettini in legno, regala il quadretto del villaggio esotico. Altra particolarità del Made In Italy Party è l’orario, che ricalca quello delle feste in spiaggia. Si inizia presto e si finisce presto, le luci in pista si accendono alle 22.00 (come nei beach party) e si spengono alle 3.00.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 30 giugno 2004 - 2619 letture

In questo articolo si parla di





logoEV