Claudio Coccoluto anima le notti house del Miù Miù.

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Sabato prossimo il Miù Miù promette una notte all'insegna della house più bella con il DJ Claudio Coccoluto.

di Claudia Costantini
claudia@viveresenigallia.it


E' considerato il massimo esponente della house made in Italy all'estero ed è per questo che è il più richiesto dai club di mezzo mondo, Claudio Coccoluto, 34 anni e due figli, sarà ospite sabato del Miù Miù.
Corre l'anno 1980 quando Claudio si esibisce per la prima volta al Seven Up di Formia. La passione per la musica lo porta ad abbandonare gli studi nel 1985 per dedicarsi al mixaggio. Tra le sue esperienze professionali più importanti ricordiamo le serate al Pussy Galores presso la discoteca le cinema di Milano, ma anche il Peter Pan di Misano, l' Ecu di Rimini e lo Zen di Sperlonga. Numerose anche le serate nei club newyorchesi e londinesi come il Sound Factory club di N.Y, dove è stato l'unico artista italiano ad esibirsi. Attualmente è resident al Queen di Parigi e, in Italia, al Mazoom.
La bravura del maestro della house si po' apprezzare anche nei mix per i Bleck Box, Drum club, Joey Negro, Kathy Brown e tanti altri.
Della su professione dice “ Per me la vera missione del DJ è porsi positivamente tra quello che la gente vuole sentire e quello che l'industria musicale vuole propinare. Il Dj per me ha il difficile ruolo di fare da filtro, per fare in modo che il livello culturale musicale cresca e tenga a bada il consumismo.” Dunque la musica intesa non solo come divertimento e distrazione ma come cultura vera e propria; del resto l'underground nasce come fenomeno culturale, estraneo ad ogni tipo di business.
Sabato sera Coccluto, il Dj che ha fatto della sua professione una missione, sarà ospite al Miù Miù e la serata ha tutte le prerogative per essere indimenticabile.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 maggio 2004 - 2280 letture

In questo articolo si parla di





logoEV