Conclusi i Giochi del Gemellaggio

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Si sono conclusi ieri all'insegna del divertimento i Giochi del Gemellaggio che hanno visto fronteggiarsi amichevolmente ragazzi di Senigallia di Chester, Sens e Lorrach

dal Comune di Senigallia
www.comune.senigallia.an.it


Si sono chiusi ieri a Senigallia i Giochi del Gemellaggio, che hanno visto impegnati ben 145 i giovani di età compresa tra gli 11 e i 14 anni, della nostra città come di quelle gemellate (Chester, Lorrach e Sens).
Come nelle precedenti edizioni, i giovani hanno formato squadre miste per dare vita ad incontri sportivi caratterizzati non dall’agonismo ma all’insegna del puro divertimento. L’esperienza si è così rivelata piacevole per tutti e i ragazzi hanno socializzato e costruito nuove amicizie
Interessante anche la novità di questa edizione, la prima aperta alla presenza di giovani disabili, a conferma della filosofia che intende lo sport come mezzo per superare le barriere. Tra l’altro c’è stata l’occasione per ammirare una bella partita di hockey su carrozzine a rotelle che ha avuto tra i protagonisti alcuni campioni italiani e addirittura europei di questa particolare disciplina.
Molti gli apprezzamenti per il mare e la spiaggia, così come grande è stato il divertimento per una festa mascherata organizzata nella serata di sabato. I giovani giunti a Senigallia sono stati anche accompagnati in queste giornate presso il Centro Ippico della Val Cesano, dove hanno potuto visitare le stalle e apprendere tante nozioni su questi animali, concludendo la loro visita con una cavalcata di gruppo.
Nella serata di ieri si è infine tenuta la festa di chiusura, durante la quale a tutti i partecipanti è stato consegnato un attestato di partecipazione insieme ad un piccolo ricordo della manifestazione, che certamente rimarrà per tutti loro una indimenticabile esperienza di vita.
I ragazzi dei giochi del Gemellaggio
Clicca per ingrandire





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 25 maggio 2004 - 1846 letture

In questo articolo si parla di