Eterea 2004, un bilancio

Senigallia 30/11/-0001 -
Anche se la Mediateca, per problemi di orario, ha chiuso le porte alle manifestazione, l'evento è andato avanti, con tante idee.

di Luca Conti
www.pandemia.info


Pur nella disorganizzazione generale (quasi totale) l’evento è riuscito seppur in assenza di decisioni sulle azioni da intraprendere contro gli ostacoli che si intravedono all’orizzonte, legge Gasparri in primis. Il magma delle tv di strada non si è ancora raffreddato e consolidato. Continua a svilupparsi senza una direzione precisa.
Punti di debolezza
Va benissimo organizzare eventi dal basso, senza un vertice decisionale, in cui la parola d’ordine è libertà di parola e di partecipazione. Purtroppo in questo caso tutto ciò si è tradotto in una quasi totale mancanza di conduzione dei dibattiti, penalizzando non poco lo svolgimento dell’evento. Il convegno della domenica mattina si è svolto in maniera a dir poco caotica. Previsto per le 11.00 è cominciato solo alle 12.15, con un solo intervento, senza neanche un'introduzione. Alle 13 la mediateca, luogo dove si è svolta la manifestazione, ha chiuso i battenti e i successivi interventi (almeno quello del giornalista di RaiNews24) si dovrebbero essere susseguiti oltre le 13,20 nel sottostante mercato del pesce. Dovrebbero perchè non son potuto rimanere. Assente (senza alcuna comunicazione) Carlo Freccero, purtroppo.
Punti di forza
TV provenienti da tutta Italia, isole comprese. Attrezzature tecniche ben sfruttate (almeno al sabato). Realizzazione di uno studio televisivo improvvisato per la realizzazione di interviste ai protagonisti con la trasmissione in diretta via etere e via internet in streaming. Un fiorire di telecamere delle telestreet presenti che contribuiranno di certo a propagare nell'etere italiano Eterea 2004.
Tutti i contenuti di Eterea 2004 potete trovarli qui.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 29 marzo 2004 - 1760 letture

In questo articolo si parla di





logoEV