poesìe: I giochi <i>5 di 11</i>

Senigallia 30/11/-0001 -
Continua l'invito al gioco di Renata Sellani alla sua nipotina, in questo spazio dedicato ai poeti nostrani. In dialetto senigalliese la nonna racconta la sua infanzia e i suoi giochi più belli.


I giugattuli? Fa rid 'n gran b.l po'.
E chi ci aveva belli o favulosi?
Forsi i signori a Roma o... io n' l' so.
Vedi adè ch n.gozzi purt.ntosi?

Ch la volta c'n'era ma... culmò,
e i gioghi fatti in casa er.n custosi.

Alora calca pupa s' cumprava
ma d'pezza e 'ncò brutta, fiola mia.
Capac sa i occhi storti t' guardava.

Tutta d' pezza, i deti impunturati,
na vesta co t'credi? pur ch sia...
bracci e piedi parev.n impalati...


Le ultime Poesie





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 marzo 2004 - 4474 letture

In questo articolo si parla di

Leggi gli altri articoli della rubrica poesie





logoEV