Un concerto in occasione della Pasqua

Senigallia 30/11/-0001 -
Una serata di musica alla chiesa del Portone in vista della Pasqua ormai vicina.

da Don Giuseppe Bartera
Parroco del Portone


Martedì 6 aprile, presso la chiesa del Portone, parrocchia Santa Maria della Neve si terrà, in occasione della Pasqua ormai prossima, il concerto dal titolo:”Le sette ultime parole di Cristo sulla croce” di F. Joseph Haydn. Sette sonate dedicate agli ultimi momenti di Gesù, accompagnate dalla lettura e commento di Mons. Umberto Gasparini e dall'organo di Federica Iannella.
Commissionata nel 1786 da un canonico della Cattedrale di Cadice, la composizione de Le sette ultime parole di Cristo, è costituita da una sene di brani musicali da eseguirsi a commento e a conclusione delle orazioni con le quali il vescovo illustrava ognuna delle sette parole.
Così leggiamo nella prefazione alla partitura vocale (1796):
... Dopo un breve sermone il vescovo saliva sul pulpito, pronunciava la prima delle sette parole (o frasi) e dava inizio a una orazione. Conclusala egli lasciava il pulpito e si prostrava davanti all'altare. L'intervallo veniva riempito dalla musica. Il vescovo quindi alla stessa ma- niera pronunciava la seconda^ poi la terza e così via, mentre l'orchestra seguiva la conclusione dì ogni orazio- ne...
Originariamente scritta per orchestra (1786), come Musica instrumentale sopra Le sette ultime parole del nostro Redentore in croce, tale composizione fu rielaborata in altre versioni: quella per grande oratorio, una riduzione per quartetto d'archi, supervisionata dal compositore; una versione per forte piano o clavicemba- lo, autorizzata da Haydn e pubblicata a Vienna nel 1787 presso Àrtaria; la versione vocale del 1796 per mano dello stesso compositore. Dalla genesi dell'opera ap- prendiamo che Haydn, preoccupato dall'unità artistica globale della composizione, concentrò la sua attenzione sull'aspetto melodico, scrivendo una melodia appropria- ta a ciascuna delle prime parole del testo, in modo tale che ognuna di esse divenisse l'elemento conduttore di ogni movimento.
Oltre alle sette sonate, come egli le definiva, Haydn scrisse un'introduzione e, per concludere, una descri- zione del terremoto che sconvolse il Calvario, secondo quanto racconta il Vangelo di Matteo.
Per esprimere al meglio il carattere dell'opera, Haydn, in una lettera al suo editore inglese Forster, ricorda co- me il suo intento compositivo fosse quello di commuove- re anche l'ascoltatore più inesperto nelle profondità della sua anima...
La musica di ogni sonata delinea infatti lo stato d'animo di Gesù, del buon ladrone, di Maria e Giovanni, dei crocifissori. Colpisce l'uso frequentissimo delle note ribattute, quasi a sottolineare i colpi ricevuti, lo stillare delle lacrime, sudore e sangue, il continuo pulsare del dolore.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 27 marzo 2004 - 1988 letture

In questo articolo si parla di





logoEV