Scelte fuori dalla realtà e calate dall'alto

Senigallia 30/11/-0001 -
L'opposizione, unita, critica senza mezzi termini il piano del centro proposto dal comune.

da Gabriele Cameruccio capogruppo UDC
Claudio Crivellini Capogruppo AN
Alessandro Cicconi Massi Capogruppo Forza Italia
Fiore Bittoni Capogruppo Senigallia Rinascita


L’Amministrazione Angeloni continua ad affrontare in maniera sbagliata questioni fondamentali, compiendo scelte fuori dalla realtà. Pur tuttavia mantiene un comportamento autoreferenziale e cala dall’alto provvedimenti importanti, che comporteranno problemi e difficoltà, in quanto modificheranno in maniera pesante la vita dei cittadini, (creando inoltre disparità di trattamento tra gli stessi residenti e i titolari di attività nel centro storico) mentre era necessaria la condivisione di tutta la città attraverso tempi e modi adeguati.
Addirittura nella riunione congiunta della II^ commissione consiliare con la I^ circoscrizione l’Assessore Ceresoni ha detto una bugia; infatti ha negato l’esistenza di un documento preparatorio alla delibera definitiva della Giunta in merito al piano di riordino del traffico. Invece la Giunta il 25 febbraio u.s. ha approvato un corposo documento di indirizzo sulla riorganizzazione della mobilità, del traffico veicolare e della sosta nella zona del centro città.
In particolare il documento conferma la continuità politica della Giunta Angeloni di centro-sinistra con i provvedimenti in materia di qualità dell’aria e di inquinamento predisposti dalla Regione Marche e dalla provincia di Ancona, nonché il collegamento di queste scelte con la variante delle zone costiere, con l’assetto viario già avviato per i lungomari.
Il piano prevede scelte di grosso impatto: l’ampliamento della zona a traffico limitato (per entrare nella quale, per motivi eccezionali(!!!), si dovrà addirittura pagare il permesso giornaliero) , che durerà tutte le 24 ore del giorno da giugno a settembre (creando di fatto una ulteriore zona pedonale), l’ampliamento delle zone con parcheggio a pagamento, ampliamento della zona pedonale, riduzione al minimo dei parcheggi liberi ed anche la modifica del senso di marcia di alcune importanti vie.
In base al piano previsto si aggrava ancor più il già grosso problema della viabilità e della mancanza di parcheggi, che la città vive quotidianamente con disagi, e si contribuisce a svuotare il centro storico, a renderlo una “città finta” come sono i centri commerciali.
Del resto anche la circolazione a targhe alterne è un provvedimento propagandistico e inutile (i dati hanno dimostrato che il livello delle pm10 è rimasto per molti giorni al di sopra del limite di guardia stabilito), che non risolve la questione dell’inquinamento da polveri sottili e invece crea ulteriori difficoltà e disagi ai cittadini tutti, compresi i residenti.
Non si può partire dalla parte finale del problema, attraverso una vera e propria limitazione della libertà di ognuno di potersi muovere con la propria auto.
Ribadiamo invece che per garantire una reale prospettiva di rilancio economico e sociale della città e del suo centro storico è assolutamente prioritario un sistema di mobilità complessivo con interventi strutturali ed infrastrutturali; quindi realizzare nuovi assi viari verso monte per togliere il traffico passante extra-urbano dalla città (si parla della circonvallazione da oltre 20 anni) e migliorare la rete stradale esistente, realizzare un sistema adeguato di parcheggi (anche sotterranei) in prossimità del centro storico con un sistema di compartecipazione pubblico-privato e soprattutto potenziare il servizio di trasporto pubblico urbano ed extra-urbano, compresi i collegamenti con le frazioni di periferia.
Anche per le piste ciclabili siamo di fronte ad un piano insufficiente e inadeguato, a spezzoni di percorsi che riguardano il lungomare e la città, senza avere una rete integrata che colleghi tutto il territorio comunale comprese le frazioni di periferia e le zone interne.
Questa Amministrazione di centro-sinistra conferma l’incapacità di amministrare la città e di non avere un progetto complessivo di sviluppo; la gente è stanca di questa situazione e per questo è tempo di voltare pagina nel governo della città.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 25 marzo 2004 - 1912 letture

In questo articolo si parla di