ALA: un'associazione contro l'amianto.

Senigallia 30/11/-0001 -
L’associazione, che raggruppa gli ex dipendenti delle ditte sottoposte a rischio amianto, ha finalità apolitiche, morali, sociali e non ha fini di lucro.

da Carlo Montanari
presidente Associazione Lotta all’Amianto


In data 15 marzo 2004 è stata costituita ufficialmente l'A.L.A. associazione lotta all’amianto composta da ex lavoratori delle ditte Sacelit, Italcementi S.p.a. e di altre aziende soggette al rischio amianto.
L’associazione, con sede a Senigallia, in via delle Rose 7, presieduta da Carlo Montanari, ha per statuto finalità apolitiche, morali, sociali e non ha fini di lucro.
Lo scopo dell'A.L.A. è quello di:
1) Promuovere l’informazione scientifica sui danni e rischi dovuti all’amianto ed a qualunque altro agente tossico – nocivo.
2) Divulgare le esperienze di lotta di lavoratori esposti all’amianto o ad altri agenti tossico – nocivi.
3) Divulgare l’informazione scientifica in campo sanitario al fine di creare e sostenere una maggiore consapevolezza sui problemi della salute.
4) Individuare e denunciare i rischi prodotti dall’amianto.
5) Informare sulle misure non attuate da parte di istituzioni politiche, sanitarie, sindacali, industriali ed economiche per prevenire malattie derivanti dall’esposizione all’amianto.
6) Informare per l’ottenimento di risarcimenti danni morali ed economici a favore di familiari di persone colpite da malattie derivanti dall’esposizione all’amianto.
7) Informare attraverso media, convegni, conferenze ed incontri sulla lotta all’amianto alla presenza di persone coinvolte direttamente ed indirettamente sul problema.
L’A.L.A. sostiene i lavoratori che si prefiggono di bandire l’uso all’amianto e di altri agenti tossici – nocivi in tutti i processi di lavorazione ed i cittadini, singoli o associati, anche sul piano giuridico, che sono colpiti da esposizione all’amianto e da altri agenti tossici – nocivi.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 marzo 2004 - 2185 letture

In questo articolo si parla di