poesìe: I giochi <i>3 di 11</i>

Senigallia 30/11/-0001 -
Continua l'invito al gioco di Renata Sellani alla sua nipotina, in questo spazio dedicato ai poeti nostrani. In dialetto senigalliese la nonna racconta la sua infanzia e i suoi giochi più belli.


E s'cantava 'ncò na canzuncina:
"E' 'rivat sa la piuma su 'l capèll
"e ha purtat d' robba na duzina
"sa la nav" ... Era 'n giogh propi bell...

Alora te facevi l'induvina
p.r sapé co è ch c'era 'n-t'l batell.
Capac c'era na palla o na pupina
e te t' lambicavi 'ncò 'l c.rvell.

Po' dop 'ncò a nascond s' giugava
era 'n divertment purt.ntos.
I urli quant un n's' truvava!

S.ntivi: "Tana! tana! T'ho b.cat"!
E quel ch n' s'era acort, era furios,
p.rché i altri l'aveva.n minchiunat.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 marzo 2004 - 4181 letture

In questo articolo si parla di

Leggi gli altri articoli della rubrica poesie





logoEV