poesìe: I giochi <i>2 di 11</i>

Senigallia 30/11/-0001 -
Continua l'invito al gioco di Renata Sellani alla sua nipotina, in questo spazio dedicato ai poeti nostrani. In dialetto senigalliese la nonna racconta la sua infanzia e i suoi giochi più belli.


Quanti gioghi facéssim no' cuntenti!
Tutti gioghi da gnent da quei d'adè!
P.rò l'gran risat! ch mumenti!
Ess.m fioj davera. E sai p.rché?

Sa babb e mamma senza cumplimenti
stassim giorn e nott, ecca p.rché.
P.r studià p' s'sa ch stavi atenti;
babb nun i vuleva i quattr e i tre.

Ch.la volta i giugattuli 'n ci avevi
co er.n com adè ch'enn cumplicati?
Er.n gioghi da gnent, ma te ridevi.

L'femmin giugav.n 'n-tra d' lora
a l'signor, sa i fioj 'n po'sp.lachiati.
S'v.stiv.n da grand sa i tacchi ancora.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 07 marzo 2004 - 4488 letture

In questo articolo si parla di

Leggi gli altri articoli della rubrica poesie





logoEV