poesìe: I Giochi <i>1 di 11</i>

Senigallia 30/11/-0001 -
Nello spazio riservato ai poeti nostrani continuano i racconti in dialetto senigalliese di Renata Sellani che racchiude nei suoi versi il messaggio amorevole di nonna alla sua nipotina. Questa volta l'invito è alla spensieratezza e ai giochi che, seppur in continuo cambiamento, fanno da sempre parte del meraviglioso periodo dell'infanzia.


Giugà p.r quel che so è sempre usat.
C'è gioghi e gioghi ma 'l div.rtiment
è na robba...chi sa chi l'ha inv.ntat?
Alora gioga, Nina, e 'n p.nsà a gnent!

Giogh.n i fioj e i vecchi senza fiat,
sempr p.r passà 'l temp o purament
p.r scurdass calcò ch'i è capitat
o ancò p.r div.rtiss s.mplic.ment.

C'è gioghi d' milanta qualità
e calchidun ch'è mej a nun sapell;
basta ch'ognun l'sa quell ch fa.

Te gioga machì d'oltra sa i cumpagn...
nun t' fidà e nun andà invell,
ch st mond adé è pi.n d'magagn...





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 29 febbraio 2004 - 4387 letture

In questo articolo si parla di

Leggi gli altri articoli della rubrica poesie





logoEV