I consiglio comunale di ieri

Senigallia 30/11/-0001 -
Dei tre ordini del giorno presentati da AN ne è stato approvato uno, riguardante l'intitolazione di una via a Giorgio Perlasca.
Approvato anche l'OdG dei Verdi sulle piste ciclabili.



La sessione del Consiglio Comunale si è aperta nella serata di ieri con i complimenti dell’Assemblea al Consigliere Montesi Luciano, che ha appena ricevuto l’incarico di nuovo assessore provinciale a trasporti, infrastruttrure, mobilità e turismo. Subito dopo, la seduta è iniziata con lo svolgimento delle interrogazioni e interpellanze, che sono state avanzate dallo stesso Consigliere Montesi L. e dai Consiglieri Onori, Crivellini, Cameruccio e Montagna.
Si è quindi passati alla trattazione degli ordini del giorno, cominciando dai tre presentati dai consiglieri di Alleanza Nazionale. Il primo, riguardante l’intestazione a Giorgio Perlasca di una via o uno spazio pubblico, è stata approvata all’unanimità dall’assise. Bocciato invece il secondo ordine del giorno, riguardante l’istituzione di una Giornata della memoria e della testimonianza per i martiri delle foibe. In questo caso il Consiglio non ha ritenuto opportuno evidenziare soltanto un aspetto di una vicenda storica indubbiamente molto più ampia e complessa. Per questo è stato espresso un voto largamente contrario (6 favorevoli e 14 contrari), anche in considerazione del fatto che già il Parlamento aveva preso una posizione al riguardo. L’ordine del giorno chiedeva tra l’altro espressamente il coinvolgimento della Scuola Pace, istituzione che però da sempre a Senigallia si occupa già di ogni questione attinente alla sua materia e dunque anche alle vicende legate alle foibe.
Ugualmente respinto (con 5 voti favorevoli, 14 contrari e 2 astenuti) è stato il terzo ordine del giorno presentato da Alleanza Nazionale per avviare una campagna sulle conseguenze devastanti del consumo di tutte le sostanze stupefacenti. Il documento proposto è stato però respinto dal Consiglio, poiché si è ritenuto che non sia con la repressione che possono essere risolte le problematiche legate alla droga. L’ordine del giorno presentato dichiarava infatti il suo appoggio al disegno di legge Fini per una “tolleranza zero”, mentre anche molti operatori del settore tossicodipendenze si sono apertamente schierati contro questa politica.
È stato invece approvato dal Consiglio, sia pure con alcune modifiche e aggiustamenti in corso, il quarto ordine del giorno in discussione, quello presentato dal gruppo consiliare dei Verdi a proposito della mobilità sostenibile. In questo caso sono stati 11 i voti favorevoli, nessuno contrario e 12 gli astenuti su una posizione che tende a favorire l’apertura di piste ciclabili, la conversione delle automobili a metano e altri provvedimenti per rendere l’aria più pulita.
L’approvazione dei verbali delle sedute precedenti, avvenuta all’unanimità, ha preceduto la trattazione delle pratiche all’ordine del giorno. La prima di queste, riguardante l’esecuzione di una sentenza della Corte di Appello di Ancona riferita all’intervento PEEP nella lottizzazione “La Capanna”, è stata però rinviata su richiesta dello stesso Assessore relatore, Francesco Stefanelli, che avendo ripreso da poco la sua piena attività amministrativa non ha avuto il tempo materiale per produrre la documentazione aggiuntiva che era stata richiesta.
Si è invece regolarmente dibattuto il punto 8, riguardante un parere del Consiglio Comunale sulla cessione da parte della Casa Protetta per Anziani di un immobile sito nel Comune di Ripe. L’argomento è stato occasione per dibattere in maniera più ampia dei rapporti tra Comune e Casa Protetta. La pratica è stata infine approvata con 13 voti a favore e 6 astensioni.
La seduta è stata quindi interrotta e riprenderà oggi (a partire dalle ore 20,15) per trattare dapprima la terza relazione annuale del Difensore Civico sull’attività svolta nel periodo 18 gennaio 2003-17 gennaio 2004, e quindi le modifiche a un allegato riguardante la metodologia di attuazione del progetto “piena proprietà”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 26 febbraio 2004 - 1930 letture

In questo articolo si parla di