il messaggero: Una succursale di 'Disco volante' a Sarajevo

Senigallia 30/11/-0001 -
Discepoli: "Stiamo cercando di comprare dalle TV locali frequenze per portare i nostri programmi nelle case".


"Disco volante" atterra a Sarajevo. Parte stasera dal porto di Ancona la delegazione della televisione di strada senigalliese che porterà nella capitale bosniaca le attrezzature tecniche necessarie per inaugurare una piccola rete televisiva nel quartiere musulmano della città. "Oltre a me - spiega Enea Discepoli, fondatore di Disco volante - partiranno i rappresentanti di altre telestreet italiane.
Imbarcheremo trasmettitori, modulatori di frequenza e tutte le altre attrezzature che servono a trasmettere". Un'iniziativa che testimonia ancora una volta la solidarietà tra le piccole emittenti, una cooperazione che stavolta arriva a scavalcare l'Adriatico. Sul fronte "interno" invece continuano le trattative tra "Disco volante" ed alcune emittenti locali per la concessione delle frequenze per poter trasmettere. "Molte tv locali - spiega Discepoli - hanno una doppia frequenza che utilizzano sul territorio. E' possibile trovare con loro un accordo per farci "prestare" una delle due frequenze per poter tornare a far vedere i nostri programmi nelle case di Senigallia". "Disco volante" infatti, continua ad essere chiusa dal settembre scorso, quando sui trasmettitori della piccola tv di strada furono posti i sigilli da parte della Polizia postale per la mancanza di autorizzazione a trasmettere. Una situazione paradossale in un momento di "vacatio legis" circa la possibilità di utilizzare i cosiddetti "coni d'ombra", vale a dire quegli spazi tra una frequenza occupata e l'altra. Fino ad oggi la redazione di "Disco volante" ha continuato a lavorare intensamente ed ha prodotto servizi che sono andati in onda su emittenti satellitari. Addirittura Discepoli ed il suo staff hanno registrato videocassette che sono poi state consegnate porta a porta ai residenti del quartiere del porto. Il tutto in attesa che si chiarisca definitivamente la situazione per poter tornare a trasmettere regolarmente. Intanto il 27 e 28 marzo ci sarà un nuovo forum sui problemi delle telestreet che replicherà quello tenutosi già a Senigallia nei mesi scorsi. Insomma "Disco volante" è più che mai viva e non è detto che tra poco non possa tornare a "mostrarsi" sugli schermi televisivi dei senigalliesi, molti dei quali fermano tutti i giorni Enea Discepoli per strada rivolgendogli sempre la stessa domanda: "Ma quando tornate a trasmettere?".
di M. Ben.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 febbraio 2004 - 2041 letture

In questo articolo si parla di





logoEV