Bello e Girolimetti: ''Flop delle domeniche senz'auto''

Senigallia 30/11/-0001 -
Bello e Girolimetti: "...constatiamo non senza sorpresa che, trascorsa appena una settimana, Provincia e Comune dichiarano oggi che le domeniche senz'auto sono state un flop. Non crediamo che i problemi si risolvano con i flop".

di Massimo Bello e Gabriele Girolimetti
Consiglieri comunali di Alleanza Nazionale


"Dopo i toni trionfalistici del Sindaco Angeloni e dell'Assessore alla viabilità e traffico Ceresoni apparsi sulla stampa lunedì 9 febbraio, constatiamo non senza sorpresa che, trascorsa appena una settimana, Provincia e Comune dichiarano oggi che le domeniche senz'auto sono state un flop. Non crediamo che i problemi si risolvano con i flop".
E' quanto sostengono Massimo Bello, consigliere comunale e provinciale di An, e Gabriele Girolimetti, consigliere comunale dello stesso partito, a proposito del provvedimento delle domeniche senz'auto che, secondo i due esponenti di An, "deve essere immediatamente rivisto, con l'impegno da parte dell'Amministrazione comunale, a valutare la lotta al fenomeno inquinante come una forte priorità, che merita istantanea attenzione e tempestivo impegno progettuale".
"Senigallia non ha bisogno di trovate propagandistiche e spettacolari – aggiungono Bello e Girolimetti - ma di progettazione ed interventi strutturali seri, degni di una politica che guardi lontano e che voglia migliorare veramente la qualità della vita".
Secondo i due esponenti del partito di Fini, "il provvedimento, oltre che limitativo della libertà e delle esigenze dei cittadini e delle famiglie, crea un ulteriore danno a tutte le attività commerciali presenti nel centro storico, che da troppo tempo – dicono Bello e Girolimetti - subiscono le conseguenze di decisioni assurde, incomprensibili e che continuano ad essere vantaggiose per i grandi centri commerciali".
"A questo punto, riconosciuto da tutti e dagli stessi ideatori il flop del provvedimento limitativo ai veicoli, riteniamo doveroso ed opportuno chiedere a questa Giunta di rinunciare all'ennesima domenica senz’auto visti i valori delle polvere sottili inalterati e dello smog nel tempo e le tantissime proteste dei cittadini e degli operatori economici".
"Il provvedimento adottato dall’Amministrazione comunale è servito unicamente a guadagnare tempo – incalzano Bello e Girolimetti - sapendo di non essere in grado di risolvere il problema e spargendo la solita demagogia che, forse in passato ha premiato i vecchi amministratori ma oggi, proprio perché usata da tanti anni, non attecchisce più sui cittadini, sulle famiglie e sugli operatori economici".
"Siamo certi che, come in passato, verranno annunciati provvedimenti miracolosi, magari dilazionati nel tempo fino a coincidere con le prossime elezioni comunali del maggio 2005, però crediamo – scrivono sempre i due consiglieri di An - che questa demagogia puramente elettorale lascerà il tempo che trova".
Secondo gli esponenti di An "il Sindaco Angeloni e l'Assessore Ceresoni sembrano aver preso atto della gravità del fenomeno solo adesso, sebbene le centraline di controllo, da tempo, evidenzino la criticità della situazione".
"La sostanziale indifferenza e la completa assenza di progettazione dimostrata dalla Giunta Angeloni, in piena continuità con le vecchie Giunte di centrosinistra, per fronteggiare il problema nel tempo – aggiungono ancora i consiglieri Bello e Girolimetti - hanno ora determinato la necessità di assumere provvedimenti di emergenza, frettolosi ed istintivi, i quali però, a parte il disagio per la città, non sono assolutamente in grado di produrre gli effetti desiderati".
"Altre, infatti, sarebbero le iniziative e le decisioni prioritarie da prendere come, ad esempio, nel breve e medio termine, la costruzione di nuovi impianti per la sosta (parcheggi) ovvero l’ottimizzazione ed il miglioramento del trasporto urbano ed extraurbano, sia in senso qualitativo che quantitativo. Invece, a lungo respiro, la realizzazione di assi viari più funzionali e che colleghino dignitosamente tutte le frazioni con il centro, muniti tutti di parcheggi attrezzati e puntualmente serviti da strumenti o veicoli pubblici per l’accesso al centro".
"Ancora una volta, i cittadini – concludono i consiglieri Massimo Bello e Gabriele Girolimetti - sono costretti a pagare, in termini di qualità della vita, le irresponsabilità, il disimpegno e l'incapacità di governare da parte di una classe dirigente, del tutto insensibile alle dinamiche economico e sociali del territorio e della popolazione".





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 febbraio 2004 - 1835 letture

In questo articolo si parla di





logoEV