poesìe: La Scuola <I>13 di 13</I>

Senigallia 30/11/-0001 - Questo spazio è dedicato a tutti i poeti senigalliesi.
Pubblicheremo tutte le vostre poesie, in dialetto o in italiano.
Si conclude La scuola di Renata Sellani, 13 sonetti che tracciano uno splendido quadro della Senigallia che fu, raccontata dalla nonna alla nipotina.
Per pubblicare le vostre poesie: redazione@vivere.senigallia.an.it

Si ch'eri 'n po0 purett sai co c'era?
La r.f.zion ch po' saria 'l magnà.
Sol a pranz s' sa, miga d' sera,
p.rché acusì pudev.n sparagnà

i guadrìn p.r v.stì. In ch.la maniera
magnavi sa i cumpagni e a cuntrulà
na signurina bona p.r davera
ch dop pranz t' facea studià.

T' dav.n ancò i libbri e po' anicò
d' quel ch 'n-t'.la scola bisugnava.
Era na robba bella ma p.rò

i purett 'ndav.n pogh a scola.
La più part, t'ho ditt, lavurava
ancò sa i murador, sa la cariola.

La prima parte
La seconda parte
La terza parte
La quarta parte
La quinta parte
La sesta parte
La settima parte
L'ottava parte
La nona parte
La decima parte
L'undicesima parte
La dodicesima parte





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 07 febbraio 2004 - 4720 letture

In questo articolo si parla di

Leggi gli altri articoli della rubrica poesie





logoEV