il resto del carlino: Cittadini rabbiosi: ''Di notte in strada drogati ed ubriachi''

Senigallia 30/11/-0001 - Viabilità, parcheggi e convivenza con gli extracomunitari.
Il rione porto "presenta il conto" al Comune.

Un faccia a faccia tra residenti, sindaco e assessori che ha fatto registrare polemiche e malumori. I residenti in via Carducci pongono il problema della sicurezza soprattutto di sera.
«La gente ha paura di uscire per la presenza di malintenzionati e ubriachi» ha sostenuto una residente. «Siamo invasi da extracomunitari ed assistiamo ad episodi di spaccio e perfino di prostituzione».
Il sindaco Luana Angeloni ed il comandante dei vigili Flavio Brunaccioni hanno assicurato l'intensificazione dei controlli.
«Attendiamo l'avvio del progetto del poliziotto e del carabiniere di prossimità per una maggiore presenza sul territorio, così come è stato fatto con il vigile di quartiere» dice il sindaco.
«Perché non costituiamo un comitato di quartiere per discutere sui problemi dell'integrazione?» dice il consigliere straniero aggiunto Mohamed El Alam. «Se si tratta di un problema di ordine pubblico, siamo pronti a combattere la criminalità con i residenti. Ma la maggior parte degli immigrati residenti in città ha un lavoro ed è in regola con il soggiorno».
Un invito a non scivolare nell'intransigenza è venuto anche da Heime Caroli che ha ricordato come sulla porta del suo centro multietnico siano state tracciate croci uncinate.
Sollevato da altri cittadini il problema del transito anche ad alta velocità di auto e bus nelle strade del quartiere, con il pericolo per i residenti. Poi ancora la questione delle auto parcheggiate sui marciapiedi, davanti ai passi carrabili ed ai portoni. «Pensiamo di introdurre il parcheggio a pagamento per i residenti, con posto gratuito per la prima auto e sconti per la seconda» ha detto l'assessore Ceresoni. E l'assessore Mangialardi ha riferito che il progetto di riqualificazione di via Carducci è in dirittura d'arrivo.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 05 febbraio 2004 - 1919 letture

In questo articolo si parla di