vj: Maiolati Spontini: per i rifiuti: riduzione, recupero e reciclaggio

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Dobbiamo impegnare la nostra azione per potenziare la riduzione, il recupero e il riciclaggio dei rifiuti, ispirandoci a quella che io chiamo la filosofia delle tre R”.
Lo ha detto Simone Cecchettini, presidente del Consorzio obbligatorio per i rifiuti Cir33 Vallesina-Misa, intervenendo oggi al convegno “Attuazione del Piano provinciale rifiuti – Il ruolo del Comune di Maiolati Spontini”, che si è svolto nel Centro comunale 6001 di Moie di Maiolati Spontini.

da Paola Cimarelli


Un incontro voluto dallo stesso Consorzio, che aggrega 33 Comuni, dalla locale amministrazione comunale e dalla Sogenus, e che ha avuto lo scopo di esaminare l’evoluzione dello stato dei lavori sulla gestione dei rifiuti.

E’ importante avere ben chiaro – ha detto Cecchettini – il concetto essenziale ed innovativo che lo smaltimento dei rifiuti è divenuto, non solo nel Piano provinciale ma più a monte nelle normative nazionali, solamente la fase residuale del sistema di gestione dei rifiuti, che è destinato ad essere ridotto ai minimi termini con un conseguente forte risparmio economico nel bilancio comunale”.
E per ottenere questo risultato, è stato costruito il Piano strategico e il Piano industriale del Cir33.

Nel nostro bacino è prevista l’esistenza di due impianti – ha spiegato Cecchettini -, uno per la selezione della frazione umida dei rifiuti, localizzato a Corinaldo, l’altro per la selezione della frazione secca, da realizzare a Maiolati Spontini. Per entrambi gli impianti, il Consorzio ha definito e adottato i progetti definitivi che saranno sottoposti il 19 ottobre alla Valutazione d’impatto ambientale.
I progetti saranno esecutivi da novembre per procedere agli appalti per la realizzazione. Il Consorzio ha anche avviato i contatti con la Regione e la Provincia per la destinazione dei contributi a proprio nome, ha cominciato a adeguare la struttura interna per seguire direttamente prima la fase della costruzione e poi quella della gestione degli impianti, ha proceduto con il cofinanziamento dei 33 Comuni del bacino per l’esecuzione delle opere”.

Atti per “avviare un percorso di delega generalizzata nell’ambito della gestione integrata del ciclo dei rifiuti – ha concluso Cecchettini -, che concluderemo, con ogni probabilità, con la prossima assemblea rafforzando il ruolo di autorità di controllo del Consorzio”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 01 ottobre 2003 - 1735 letture

In questo articolo si parla di