s2w: Spacca elogia il lavoro svolto dalla Protezione civile e dai volontari

3' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Cinquecentottantaquattro ricoveri, di cui un quarto pazienti con età inferiore ai 14 anni, diciottomila prestazioni ospedaliere ed esterne, con interventi chirurgici, ingessature, visite e medicazioni: questo, in sintesi, il bilancio di poco più di due mesi di attività dell’ospedale da campo che la Regione Marche ha allestito a Mansehra, nel Pakistan, subito dopo il terremoto dell’8 ottobre.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it


Un’attività incessante di soccorso e di assistenza, in media 250-300 persone al giorno, che è diventata un punto di riferimento sanitario fondamentale per alleviare le sofferenze della popolazione locale, in mancanza dell’unico ospedale cittadino, andato completamente distrutto dal sisma e per la posizione strategica della città, distante appena 70 chilometri dall’epicentro del sisma.
Un contributo importante al funzionamento della struttura campale, dotata di 200 posti letto e di attrezzature d’avanguardia, è stato fornito dal personale della Regione Marche; in totale 104 persone: 11 funzionari del Sistema regionale della protezione civile, 72 volontari dell’Ares - Associazione regionale emergenza sanitaria e sociale, provenienti da 17 ospedali regionali, tra cui 30 medici, 38 infermieri, 4 tecnici -11 volontari dell’Anpas, Associazione nazionale pubbliche assistenze, e 10 volontari dei Vigili del Fuoco di Ancona.

“Siamo orgogliosi – ha sottolineato Gian Mario Spacca, presidente della Giunta regionale - del lavoro svolto con passione e professionalità dagli uomini della Protezione civile e dai volontari che, ancora una volta, hanno testimoniato i grandi valori che animano la nostra comunità; a tutti va il ringraziamento più caloroso per avere dimostrato come il Sistema regionale della Protezione civile sia ormai una struttura di riferimento importante anche nella gestione delle emergenze internazionali, come nella catastrofe dello tsunami, in Thailandia”.

La struttura campale ospedaliera della Regione Marche è aggregata al Posto medico avanzato della Croce Rossa Italiana ed è coordinata dal Dipartimento nazionale della Protezione civile. Per assicurane il funzionamento, è stato necessario organizzare dei cargo umanitari in modo da garantire il rifornimento dei farmaci e delle attrezzature necessarie. Nei primi due dei cinque turni del personale avvicendatosi fino ad oggi (l’ultima partenza è del 26 dicembre), il compito prioritario dei medici e degli infermieri e dei tecnici è consistito nel far fronte ai traumi dell’emergenza; ma non poche sono state le difficoltà da superare per la diversa mentalità culturale e scientifica e per assicurare il funzionamento complessivo della struttura campale, anche in termini logistici, come l’attivazione notturna della cucina da campo, la manutenzione dei servizi igienici e degli alloggi del personale, con temperature che di notte scendono fino a 10 gradi sotto lo zero.

“Il termine della missione – precisa Spacca - è previsto per il 15 gennaio 2006”; dopo un periodo di integrazione per garantire l’utilizzo delle attrezzature e delle risorse disponibili, l’intero complesso ospedaliero sarà donato alle autorità pakistane; nell’attesa che il Governo italiano valuti tempi e modalità per il passaggio delle consegne, l’attività di soccorso del contingente regionale prosegue instancabilmente, a conferma della generosità e del grande cuore dei marchigiani”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 30 settembre 2003 - 1181 letture

In questo articolo si parla di