s2w: Fano: simposio medico sulla sindrome di Williams

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Un simposio medico scientifico interregionale per parlare della sindrome di Williams, patologia che colpisce un neonato su 20.000, stima che può essere suscettibile di modifiche, dato che fino a pochi anni fa la malattia spesso non veniva riconosciuta e diagnosticata correttamente.

dal Centro Servizi per il Volontariato


All’appuntamento di martedì 15 ottobre (dalle ore 8.30 alle 16, presso sala Verdi, in piazza XX settembre) docenti, neuropsichiatri, medici e pediatri si confronteranno, fornendo anche informazioni sullo stadio della ricerca.
L’evento è realizzato dall’Associazione sindrome di Williams della sezione Marche ed Umbria che, nata nel gennaio del 2004, si propone di aiutare le famiglie ad avere una corretta informazione sulle problematiche della patologia, descritta per la prima volta dal dott. J.C.P. Williams nel 1961, in Nuova Zelanda.
La ricerca ha indicato che i soggetti con la sindrome di Williams presentano una delazione del gene dell’elastina nel cromosoma 7, ma possono esservene altre in regioni genetiche attigue, sulle quali la ricerca è ancora in corso.
La diagnosi in genere viene sospettata in base alle malformazioni cardiache e ad altri dati clinici, come l'aspetto fisico, oltre che alle caratteristiche della personalità. Oggi però è possibile avere una diagnosi certa, mediante indagini sul Dna.
L’evento, realizzato insieme al Centro servizi per il volontariato, l’assessorato alle Politiche sociali della Provincia di Pesaro e Urbino, gli assessorati alla Cultura, ai Servizi sociali e la presidenza del consiglio del Comune di Fano, ha il patrocinio della provincia di Pesaro e Urbino, della Regione Marche, del Comune di Fano, e dell’ Ordine provinciale dei medici ed odontoiatri di Pesaro.

Per informazioni 339 8485457 (Andrea Romiti), 335 5412978 (Mario Romiti) o 339 3781175 (Manuela Lucarelli)





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 30 settembre 2003 - 1861 letture

In questo articolo si parla di





logoEV