s2w: Enel apre al pubblico la centrale La Liscia di Fano

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
La centrale è stata la meta domenicale di oltre 400 persone. Molti apprezzamenti all’iniziativa Enel e lo stupore di tantissimi con ricordi e racconti.

da Enel SpA
www.enel.it


Domenica, si è conclusa la festa del Fiume Metauro cominciata il 29 ottobre scorso a Fossombrone con la presentazione fotografica “I boschi riparali, l’avifauna del Metauro e le antiche foto del fiume” dell’Ass. Argonauta di Fano e dell’archivio storico Enel; a Fermignano lo stesso giorno apertura di tre mostre allestite nei magnifici spazi del Museo dell’Architettura, presso l’antico ponte, nell’ex-Mattatoio e Lavatoio Comunale; tre artisti: un acquarellista (Italo Fraternale) e due scultori (Yvonne Ekman e Antonio Sorace), un’unica fonte di ispirazione la materia “Acqua”.

Il ciclo di eventi e incontri tra natura, storia, sport, cultura, musica e arte non ha mai dimenticato la solidarietà e il coinvolgimento di tutti, anche i diversamente abili.

Gli organizzatori, con la regia del Centro di Educazione Ambientale del Furlo, hanno registrato un numero di presenze complessive di circa 3.500 persone, in 10 località; 33 gli Enti, le Associazioni e le aziende come Enel coinvolti.

Nella sola giornata di ieri la centrale idroelettrica Enel della Liscia ha accolto oltre 400 persone di cui ben 300 hanno firmato il registro dei visitatori. E’ stata una vera festa popolare con persone di tutte le età: dai 2 mesi di Emanuele agli oltre ottanta del nonno.

Tra gli ospiti anche varie autorità tra cui l’assessore all’Ambiente del Comune di Fano, Fabio Gabbianelli, e il senatore pesarese Giuseppe Mascioni, figlio di un ex-dipendente Enel che della centrale Liscia ha raccontato tanti bei ricordi.

Per tanti, comunque, è stato un appuntamento con la nostalgia e i ricordi giovanili per raccontare la vita e il lavoro dentro quei recinti e la curiosità, gli interessi e le marachelle di chi rimaneva sempre fuori e saltava il fosso magari solo per tentare di acchiappare qualche anguilla.

Gli appuntamenti di questo periodo, dal Furlo fino a Fano, hanno visto la straordinaria, efficace e lodata collaborazione dei dipendenti dell’unità esercizio Enel di San Lazzaro che ieri hanno fatto anche da guide tecnico - turistiche e della centrale Liscia hanno raccontato ai visitatori non solo le virtù attuali, i chilovattora di energia rinnovabile e pulita che produce con la sua acqua fluente, ma anche la storia del canale idraulico, lungo quasi 11 chilometri, che la alimenta e risalente al 1600.

La collaborazione di Enel con le Istituzioni e le Associazioni locali per la Festa del Fiume Metauro rientra in Energiaper, il programma aziendale per la cultura, la ricerca scientifica, l’ambiente e lo sport. (www.enel.it/natura).





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 30 settembre 2003 - 3776 letture

In questo articolo si parla di





logoEV