s2w: Brummel, accordo raggiunto in serata

3' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Indennizzo di 8 mila euro a ciascuno degli 84 lavoratori che saranno in mobilità da gennaio.
Ugo Ascoli: “Amara soddisfazione per la conclusione di una trattativa difficile. La speranza è ora riposta sul Tavolo per la ricollocazione che si impegnerà per trovare certezze ai lavoratori”.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it


La trattativa istituzionale avviata ieri mattina in Regione per la vertenza Preca Brummel di Marina di Montemarciano si è chiusa nella tarda serata con un accordo tra Azienda e Organizzazioni sindacali sull’erogazione da parte dell’Azienda di un indennizzo di 8 mila euro a ciascuno degli 84 dipendenti che andranno in mobilità da gennaio. L’accordo sarà ratificato lunedì prossimo dopo l’Assemblea dei lavoratori.

La conclusione dell’accordo, a cui ha contribuito tutta la struttura dell’assessorato regionale al Lavoro, ha anche stabilito la formazione di un tavolo per la futura ricollocazione dei lavoratori a cui parteciperanno Regione, Comune, Provincia di Ancona, Organizzazioni sindacali, Assindustria Marche e rappresentanti aziendali della Brummel che dovranno informare il tavolo anche sulle trattative in corso per il riutilizzo dello stabilimento e dell’area circostante. L’Azienda si è impegnata anche a collaborare attivamente per favorire soluzioni di rientro nel mercato del lavoro dei dipendenti, sensibilizzando in questo senso eventuali futuri acquirenti della struttura di Marina di Montemarciano.

“Una soddisfazione velata di amarezza – ha commentato l’assessore regionale al Lavoro, Ugo Ascoli - per l’accordo raggiunto in una trattativa che da principio sembrava destinata a non portare risultati. E una vena di tristezza per il destino di questi 85 lavoratori da subito in mobilità, oltre che per la chiusura di una struttura produttiva, decisa per una precisa strategia imprenditoriale e non derivante da cattivi risultati economici dell’attuale gestione. Inoltre, non sono valse purtroppo le nostre sollecitazioni, anche in una recente lettera alla proprietà, ad applicare la cassa integrazione: ci è stata comunicata una tassativa volontà di mandare tutti in mobilità. Ora dobbiamo impegnarci tutti insieme per la ricollocazione di questi lavoratori e la speranza è puntata sul possibile riutilizzo e riconversione dell’area circostante lo stabilimento.”

Nella mattinata di ieri, la riunione, alla quale hanno partecipato anche il sindaco di Montemarciano Gerardo Cingolani e i rappresentanti di Assindustria Marche, era stata caratterizzata da posizioni molto lontane tra il Direttore centrale della Brummel, Gabriele Giordano e le organizzazioni sindacali, Filtea CGIL, Femca CISL , Uilta UIL e le RSU che richiedevano un “risarcimento” per la mancata applicazione della cassa integrazione straordinaria. Poi a tarda sera, dopo un acceso confronto tra le parti, la conclusione delle trattative che saranno formalizzate con la firma dell’accordo lunedì 19 dicembre.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 30 settembre 2003 - 1110 letture

In questo articolo si parla di